Migliori ETF azionari Europa

ETF azionari Europa

Selezionare il miglior ETF Europa (o almeno quello che fa al caso nostro) non è una scelta facile. Per investire con gli ETF sull'Europa vi sono circa 150 scelte disponibili. Questo perchè sull'area vi è una offerta molto diversificata di strumenti. Si parte dagli indici più ampi per arrivare ai settoriali (banche, automobilistico, utilities, ecc). Ampia è anche la scelta di ETF style (alti dividendi, small cap, mid cap, Rafi, ecc).

C'è poi da considerare che si fa spesso riferimento a due Europe: quella politica (che include UK e Svizzera, tra gli altri) ed Eurozona, che fa riferimento ai soli paesi di area Euro. Nel primo caso abbiamo come indici generali Stoxx600 e MSCI Europa. Facendo riferimento ad Eurozona abbiamo invece Eurostoxx600 ed MSCI EMU. Popolare è anche l'indice ristretto Eurostoxx 50, che comprende le 50 aziende a più alta capitalizzazione di Eurozona.

Non vi sono grandi differenze tra gli indici Stoxx600 ed MSCI Europe. Il primo è più ampio (600 titoli contro i 446 titoli di MSCI) e copre quindi meglio le aziende europee più piccole. A livello di segmentazione geografica e settoriale le differenze sono minime, e le performance molto simili.


ETF Europa principali

Qui di seguito una selezione di ETF per investire sui macro indici di area, sia nella versione Europa che Eurozona. Sono selezionati gli strumenti tra i più liquidi disponibili. Le commissioni annuali di gestione (T.E.R) sono generalmente basse, attorno allo 0,3%. Prodotti ad accumulazione o che distribuiscono dividendi, secondo i propri obiettivi di investimento.

etf europa


ETF Europa Style

Di seguito una ristretta selezione dei principali ETF Europa che seguono una strategia diversa dalla indicizzazione principale. Il primo (IDVY) raccoglie i 30 titoli di Eurozona con i più alti rendimenti da dividendo. Una strategia più difensiva, che tiene generalmente meglio nelle fasi meno brillanti.

Gli altri sono selezioni di titoli a media e bassa capitalizzazione, limitando la scelta alla sola Eurozona. Titoli in portafoglio generalmente più volatili, ma l'ampio paniere permette una allocazione con minori rischi rispetto ai singoli titoli. I costi annuali di gestione (T.E.R.) sono qui leggermente più alti, attorno allo 0,5%.

ETF europa style
Ricordo infine i varii indici settoriali, coperti da numerosi ETF su borsa italiana. Strumenti che possono essere una strategia per seguire temi specifici, che hanno di frequente andamenti divergenti (sovraperformance o sottoperformance) rispetto all'indice principale. Contattami per ulteriori informazioni su questi strumenti.